Social network: profilo si o profilo no?

Avrete probabilmente notato che sulla nostra rete di portali c’è un continuo rimando agli account che abbiamo aperto sui social network più popolari, sia tramite widget che attraverso la barra dei social e i pulsanti di condivisione. Cosa vuol dire? Che crediamo ciecamente nel potere dei social media?

Noi di Mercurius siamo sicuramente molto attenti a tutto quanto accade sul Web, ciò non vuol dire che aderiamo a tutte le rivoluzioni in prima battuta. Va detto, però, che è ovvio ormai anche ai più scettici e ‘ritardatari’ che questi servizi web hanno avviato un tipo di comunicazione evoluta che s’impone sempre più come modello privilegiato d’interazione del prossimo futuro. I social network consentono, infatti, di superare la casualità delle relazioni sociali che intrecciamo nel quotidiano, organizzando i nostri contatti in una mappa virtuale e interattiva in modo da poterli consultare come in un archivio.

Come sapete, il target cui si rivolgono i nostri siti è formato da studenti, laureati e giovani professionisti fra i 23 e i 33 anni, dunque fra gli utilizzatori più attivi dei social media. Tenendo conto di un famoso studio del 2007 della Forrester Research che classifica gli utilizzatori di internet in base al grado d’intervento e di produzione di contenuti in rete, è probabile che la maggioranza dei nostri utenti si divida fra i cosiddetti ‘critici’ (chi recensisce, commenta, vota e partecipa a discussioni), i ‘membri’ (chi è iscritto a qualche social network) e infine gli ‘spettatori’ (chi legge blog, ascolta podcast e guarda video).

Infine un’ultima considerazione: Facebook in Italia è un vero e proprio successo. Su Alexa, l’azienda statunitense che si occupa di statistiche e popolarità sul traffico di Internet, Facebook si posiziona al secondo posto di traffic rank superato solo da Google.

E’ evidente quindi che non si può impostare una comunicazione efficace con i giovani talenti senza prendere in considerazione i social media. Cercheremo di dedicare spazio anche a questo tema prendendo spunto proprio dalle nostre attività.

A presto!

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *