Come scegliere le categorie più efficaci a cui associare il master su MasterIN.it?

Questa settimana abbiamo scelto di parlare di un tema a noi molto caro e spesso sottovalutato dalle scuole inserzioniste di MasterIN.it: la scelta della categoria o delle categorie da associare al master. Spesso si sottovaluta infatti l’importanza di questo parametro di ricerca che invece rappresenta uno dei canali principali con cui gli utenti giungono sul nostro portale dai motori di ricerca e lo navigano poi alla ricerca del master più adatto. Risulta quindi molto strategico saper scegliere la categoria principale  a cui affiancare magari altre due o tre categorie sempre attinenti le tematiche del master postlaure: in homepage di MasterIN.it sono presenti infatti i link diretti alle categorie [es. Master in economia], metnre sulla sidebar si trovano i link ai listing di master per macrocategorie [es. Master in Umanistica].

Ma non solo. Anche nel caso in cui l’utente arrivasse sul sito da altre pagine, ad esempio le pagine con i listing di master per tipologia [es. Master di Primo Livello] troverà sempre dei link che lo aiuteranno nella navigazione delle pagine ed in particolare che incroceranno questo parametro con, ad esempio, la macrocategoria.

Scegliere quindi due-tre categorie da associare a ciascun master assicura che il programma risulti in diversi listing presenti sul portale. Ma è importante non abusare troppo di questo parametro: se un utente dovesse veder spuntare sempre lo stesso master facendo ricerche diverse tra le categorie, potrebbe reputare poco affidabile un corso che si presenta, ad esempio, come master in marketing ma al tempo stesso anche in comunicazione, giornalismo, editoria, economia, management e magari anche turismo.

Il consiglio è quindi di indicare come categoria principale quella che meglio rappresenta i contenuti del master e di affiancare a questa altre due-tre categorie affini: otterrete così una visibilità efficace verso il target degli utenti interessati alle aree formative da voi “presidiate”.

 

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *